Ricetta baccalà pastellato

Inizio da questa fantastica ricetta, per presentarvi il mio progetto come Brand Ambassador di campanìagolosa di cui sono orgogliosa di esserci. Quando mi hanno presentato questo progetto, non ho esitato a dire si. Ho colto subito l’intendo di promuovere le tradizioni e le produzioni artigianali delle piccole e medie imprese campane. ma passiamo subito a questa bellissima ricetta. E’ tradizione campana anche se il prodotto di base ” il baccalà” non è una produzione della nostra Regione ma viene dai paesi del nord Europa, il baccalà pastellato.

 

dosi per 4 persone

1 baffo di baccalà già ammollato
500 gr di punta delle
8 FILETTI di acciuga
1spchio di aglio
600 gr di farina di riso
Aceto
Ghiaccio
Olio evo q.b.
1 gr lievito di birra
640 gr di birra
Olio girasole
3 uova
Procedimento
Togliere la pelle al baccalà, tagliarlo a cubetti e tamponare l’acqua in eccesso servendosi di un canovaccio.
Per la pastella
In una ciotola versare
500 gr di farina di riso un grammo di lievito e 640 gr di birra
mescolare bene  fino a formare una pastella dopo di che versare un tuorlo e continuare a miscelare.
Riporre in frigo per un’ora prima dell’uso.
10 minuti prima della cottura unire alla pastella i tre albumi montati a neve, avendo cura di miscelarli dal basso verso l’alto per non smontarle, lasciandole in superficie, adesso la pastella  è pronta.
Infarinate leggermente i pezzi di baccalà e versatili nella pastella e poi nella pentola dove avrete portato  l’olio a temperatura. Quando impezzi saranno ben dorati  sono pronti.
Per il dressing delle puntarelle
In un mixer mettete i filetti di acciughe, lo spicchio di aglio, Due cucchiai di aceto ,un cubetto di lievito. Dare una leggera frullatura, poi aggiungere l’olio a evo a filo e emulsinare, fino a comporre la salsa, dopodiché condite  le punta delle.
Servite il baccalà ben caldo con le puntarelle per contorno.
Non dimenticate di farmi sapere come lo avete trovato è perchè no ? aspetto da voi qulche modifica o come lo fate voi a casa
seguitemi sui social e un saluto a tutti voi e a leggerci alla prossima ricetta ciao
Paola Cappuccio

La migliore ricetta dei Mezzi Paccheri con crema di zucca

Siamo nel periodo delle zucche e nel nostro territorio certamente se ne coltivano tante e anche di varietà diverse e allora perché non preparare una bella crema di zucca che accompagni delle mezze maniche di Gragnano. Quindi mettiamoci subito all’opera , iniziamo dagli ingredienti

  • 350 gr di mezzi paccheri di Gragnano igp
    350 gr di zucca pulita
    Un porro
    Foglie di salvia
    Funghi porcini
    Brodo vegetale
    Olio evo
    Sale e pepe qb
    Granella di noci
    Chicchi di melograno.

Procedimento della ricetta

In una pentola versare un giro d’olio evo e il porro.
Rosolare . Unire la zucca a pezzetti  e le foglie di salvia.
Dopo qualche minuto. Aggiungere un mestolo di brodo vegetale e cuocere.
Cuocere i porcini in una pentola con olio evo , brodo vegetale, sale e pepe.
Frullare la zucca aggiungendo le noci, il parmigiano, olio evo, sale e pepe q b, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura della pesta, fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Cuocere i paccheri, aggiungere la crema di zucca e i porcini.
Impiattare .
Guarnire con dei chicchi di melograno e la granella di noci.

In una pentola versare un giro d’olio evo e il porro.
Rosolare . Unire la zucca a pezzetti  e le foglie di salvia.
Dopo qualche minuto. Aggiungere un mestolo di brodo vegetale e cuocere.
Cuocere i porcini in una pentola con olio evo , brodo vegetale, sale e pepe.
Frullare la zucca aggiungendo le noci, il parmigiano, olio evo, sale e pepe q b, se necessario, qualche cucchiaio di acqua di cottura della pesta, fino ad ottenere la consistenza desiderata.
Cuocere i paccheri, aggiungere la crema di zucca e i porcini.
Impiattare .
Guarnire con dei chicchi di melograno e la granella di noci.

La ricetta è stata gentilmente offerta dalla nostra follower Antonella Garibba

Profilo istagram @tdayfood

Parmigiana di Melanzane al forno

La ricetta delle Melanzane alla parmigiana, o Parmigiana di Melanzane, è tipica della tradizione culinaria della Sicilia e della cucina mediterranea in genere. È un piatto ricco dal punto di vista nutrizionale e calorico, ma altrettanto ricco di gusto e tradizione. Il nome non ha niente a che vedere con la zona di Parma e neanche con il formaggio Parmigiano Reggiano

Ingrediente

Melanzana 1.50 kg Cipolla 1 Basilico 1 ciuffo Pomodoro da salsa 1 kg Uova di gallina 6 Farina 00 qb Fior di latte o caciocavallo 6 etti Parmigiano 0.50 etti Olio extra vergine d’oliva qb Sale qb

Cipolla 1 Basilico 1 ciuffo Pomodoro da salsa 1 kg Uova di gallina 6 Farina 00 qb Fior di latte o caciocavallo 6 etti Parmigiano 0.50 etti Olio extra vergine d’oliva qb Sale qb

Procedimento per Melanzane alla parmigiana

Mondare e lavare le melanzane, tagliarle a fette spesse 5 mm e metterle sotto sale in un colapasta Lavare i pomodori, tagliuzzarli e unirli ad un soffritto di olio e cipolla Cuocere la salsa per mezz’ora quindi passarla in un passaverdura, nel frattempo sbattere le uova Sciacquare le melanzane, asciugarle, passarle nella farina e poi nelle uova sbattute Friggere in olio caldo abbondante le melanzane fino a quando saranno dorate, assorbirle poi nella carta da cucina Coprire il fondo di una teglia da forno con il sugo di pomodoro e alcune foglie di basilico

Sistemare uno strato di melanzane, e uno di fior di latte o caciocavallo tagliato a dadini Spolverizzare con il parmigiano reggiano grattugiato e ricominciare con gli strati, sugo, basilico… Qualora rimanga dell’uovo mescolarlo con il sugo e usare questa salsa per ricoprire tutto insieme al parmigiano e al basilico Infornare a 170° per circa mezz’ora, all’ultimo fare un po’ di grill

Baccalà alla Luciana

 è una ricetta tipica della città di Salerno. In realtà esistono in Campania antichissime ricette che vedono il baccalà come protagonista, soprattutto in alcune zone del vesuviano in paesi come Somma Vesuviana e Ottaviano. La domanda sorge spontanea : che ci faceva il baccalà sulle tavole dei napoletani del 1500?

Ingredienti
  1. 1,5 kg di baccalà
  2. 600 gr di pomodorini (abbastanza maturi)
  3. 100 gr di olive
  4. 100 gr di farina
  5. 50 gr di capperi
  6. 5 alici salate di Cetara
  7. 2 cipolle ramate
  8. 6 patate
  9. Olio extravergine di oliva
  10. Pepe a grani
  11. Pan grattato
  12. Prezzemolo
  13. Basilico
  14. Sale

    Preparazione

  15. Taglia a pezzi il baccalà , passalo nella farina e friggilo in padella con olio bollente
  16. Taglia finemente la cipolla e taglia a metà i pomodorini ;
  17. Prendi una padella, versa un po’ di olio e fai appassire la cipolla. Poi aggiungi i pomodorini. Fai cuocere a fuoco lento e dopo qualche minuto aggiungi le olive snocciolate, le alici e i capperi.
  18. Prendi le patate, tagliale a fette e friggile in olio bollente;
  19. Disponi il baccalà in una teglia insieme alle patate e il sughetto; aggiungi basilico, prezzemolo tritato, una manciata di pan grattato e un pizzico di pepe.
  20. Accendi il forno e quando raggiunge i 180° inserisci la teglia lasciandola per circa 15 minuti.