Cetriolo la sua buccia Benefici per noi e per il pianeta.

Gli scarti alimentari: cosa farne? Abbiamo già parlato di questo argomento.

In estate le verdure fanno da padrone sulla nostra tavola. Una di questa è il cetriolo la cui buccia, molto spesso, viene tolta perché risulta amara. Ma io vi dico che si può mangiare! Perché?

La buccia del cetriolo è ricca di fibre e contiene molti minerali, tra i quali il silice, che è fondamentale per i capelli e le unghie, il potassio e il magnesio, che sono importanti per la salute del cuore e per la pressione sanguigna, il manganese, che è necessario per le ossa, e il molibdeno che è un minerale molto importante in molti processi enzimatici.

E’ utile anche per alleviare le scottature e per dare un certo sollievo alle irritazioni cutanee.

Ma cosa più importante, si può impiegare in tante ricette, perché gli scarti alimentari possono ricevere nuova vita grazie al riciclo creativo!

Voi che ne fate delle bucce di cetriolo? Sapete che le bucce di cetriolo possono diventare ingredienti per realizzare tante ricette? Ecco tre ricette per impiegarle e non sprecarle!

  1. Salsa con la buccia di cetriolo

Questa salsa è simile allo tzatziki greco, ma per la sua preparazione si usa solo la buccia del cetriolo e non la polpa. E’ ottima per insaporire insalate, come condimento per un pinzimonio di verdure o per accompagnare secondi a base di carne o di pesce. E’ così buona che personalmente la uso anche da sola con dei crostini di pane abbrustoliti.

Ingredienti:

La buccia di un cetriolo (biologico o biodinamico);

1/2 bicchiere di yogurt bianco intero;

Qualche fogliolina di menta;

1/2 spicchio di aglio;

1/2 cucchiai di olio EVO;

Sale e pepe q.b.

Preparazione

Sbucciamo un cetriolo e mentre con la polpa prepareremo un’insalata mista, con la buccia prepareremo una salsa per accompagnarla.

Tagliamo la buccia a piccoli pezzi e mettiamola nel mixer. Aggiungiamo lo yogurt, la menta, l’aglio, l’olio, il sale e il pepe.

Frulliamo tutti gli ingredienti fino al momento in cui la menta e anche la buccia del cetriolo risulteranno tritati a sufficienza, senza tuttavia esagerare, altrimenti la salsa si surriscalderà.

Poniamo in frigo per un’ora e portiamo in tavola.

  • Panzanella estiva con cetriolo e la sua buccia

Contrariamente a quanto si possa pensare la buccia del cetriolo è più digeribile della stessa polpa. Forse può sembrare leggermente più amara, ma si tratta di un amaro quasi impercettibile, che dà ad alcune pietanze un gusto addirittura migliore. In questa panzanella, per esempio, è assolutamente così.

Ingredienti per ogni porzione:

1 fetta di pane raffermo;

4 o 5 pomodori datterini o comunque piccoli, tondi e dolci;

4 o 5 fettine di cetriolo con la loro buccia;

2 foglioline di basilico spezzettate con le mani;

Olio EVO;

Una punta di aceto;

Sale e pepe;

Se desideriamo, un poco di cipolla affettata.

Preparazione

Ammolliamo il pane in poca acqua e strizziamolo.

Mettiamo il pane in una piccola ciotola. Aggiungiamo i pomodori, il basilico e un poco di cipolla, se questa non disturba.

Giriamo bene affinché il pane si amalgami al succo del pomodoro. Condiamo con olio, aceto, sale, pepe e giriamo ancora bene.

Coroniamo la nostra panzanella con le fettine di cetriolo e serviamo.

  • L’acqua di cetriolo

L’acqua di cetriolo è una bevanda estremamente benefica per la salute e può essere facilmente preparata in casa. Ha una bassa quantità di calorie e può essere usata come integratore o anche per il trattamento di alcuni disturbi dell’apparato digerente.

Servono semplicemente 2 litri d’acqua, bucce di un cetriolo, un limone e menta. Vanno uniti tutti insieme e posti in frigo. L’acqua va consumata entro 24 ore.

                                                                                                     Paola Poggiani (@polemicaincucina su IG)

                           Redatto da: Ilaria Canevara ( https://it.linkedin.com/in/ilaria-canevara-930460132 )

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.