GAMBI DI CIPOLLA

CONTRO LO SPRECO PER RISPARMIARE

Tra i ricordi che mi legano al cibo e alla sua preparazione ci sono quelli della mia mamma e delle sue origine contadine: è da lei che ho imparato che molte cose che la maggioranza delle persone butta via, possono essere mangiate, arricchendo le pietanze, rispettando la natura e risparmiando soldi. 

Partiamo dall’idea che non sempre ci vogliono tanti soldi per preparare piatti gustosi. Se impariamo a cucinare gli scarti aiutiamo non solo l’ambiente ma anche le nostre tasche. Che ne dite di provarci? Soprattutto oggi questa politica aiuta non poco.

Vi propongo due ricettine semplici ed economiche, facendo anche un calcolo approssimativo del costo finale del prodotto (basato su come è il mercato di dove abitiamo).

E’ primavera e tra i mercati padroneggia la cipolla fresca bianca, splendente con la sua chioma verde, le sue foglie aromatiche. E’ proprio dei gambi che parleremo.

Che fine fanno? Nella maggioranza dei casi vengono tagliati e gettati via. Cosa sbagliatissima, non solo per l’ambiente, ma anche perché sono buoni, aromatici e pieni di vitamine e sali minerali.

Al mercato ortofrutticolo dove abito – quando sono di stagione – pago 3 fascetti 1 euro (li compro spesso perché mio marito adora la frittata di cipolle – un piatto poverissimo già di suo).

Ed ecco che con un solo Euro riesco a fare due pietanze di sapori diversi (perché gambi e cipolla non hanno lo stesso sapore).

1 RICETTA – FRITTATA DI PATATE E GAMBI DI CIPOLLA X 2 PERSONE

250gr di PATATE (0,25 cent)

4 UOVA (1 EURO)

250Gr di GAMBI DEI CIPOLOTTI (N.C.)

SALE E PEPE q.b.

OLIO EVO q.b. (costo approssimativo di 0,25 cent ca.)

25Gr di GRANA PADANO (0,50 cent)

                 TOTALE su per giù è di 2 EURO

Friggete le patate, precedentemente tagliate a dadini piccoli. Quando sono dorate, salate e pepate, poi mettete da parte.

I gambi, lavati e asciugati per bene li tagliate a rondelle piccole e li soffriggete nella stessa padella (devono appassire); poi salate e pepate.

In una ciotola, sbattete con una forchetta le uova, sale e pepe, e aggiungete patate fritte, gambi fritti e il formaggio. Nella stessa padella cucinate la frittata.

E’ una semplice frittata, è vero, ma il gusto che gli danno i gambi dei cipollotti è tutto da scoprire; poi è un piatto unico (contiene proteine, carboidrati e verdure).

Ma andiamo con la seconda ricetta!

2 RICETTA – POLPETTE DI RECUPERO X 2 PERSONE

300Gr di GAMBI DI CIPOLOTTO  (N.C.)

500Gr di PANE VECCHIO (1 EURO)

1 UOVO (0,25 cent)

60Gr di PARMIGIANO (1 EURO)

SALE E PEPE q.b.

OLIO X FRIGGERE Q.B.  (1 EURO ca.)

       TOTALE su per giù è di 3,25 EURO

Lavate i gambi delle cipolle e lessateli per qualche minuto; strizzate per bene e aggiungeteli al pane (precedentemente ammollato nell’acqua e strizzato).

Procedete aggiungendo tutti gli ingredienti (se necessario aggiungete un po’ di pan grattato se il composto risulta troppo umido).

Formate le polpette e friggetele.

Tra l’altro, se avete una friggitrice ad aria, non dovrete usare l’olio per friggere e il costo complessivo del piatto si ridurrà a 2,25 euro (oltre a essere vantaggioso per la vostra salute).  

Le polpette sono tra gli espedienti più geniali in cucina, per recuperare gli avanzi o creare qualcosa di nuovo utilizzando gli scarti. Per questo ve ne proporrò altri tipi prossimamente!

Vi lascio con il mio consiglio di sempre: non buttate nulla, se ci riuscite! Così aiuterete le vostre tasche e l’ambiente.

Paola Poggiani (@polemicaincucina su IG)

Redatto da: Ilaria Canevara ( https://it.linkedin.com/in/ilaria-canevara-930460132 )

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.