Tutto in forno

Chi è del Sud come me, non conosce periodo dell’anno in cui non ci sia occasione di sfornare piatti di ogni tipo. Tanto che, in ogni famiglia ci sono teglie per il forno di ogni dimensione e forma: pasta al forno, lasagna, pastiera, babà, sfogliatelle, il sartù di riso, il casatiello, la pizza di scarole…

Come abbiamo visto, ogni tipologia di preparazione ha il suo utensile da cucina ideale. Anche per il forno, quindi, dopo che l’abbiamo scelto con molta accortezza, dobbiamo riservare la stessa accortezza per le teglie che andranno in forno per la cottura dei cibi.

Una teglia non vale l’altra, e scegliere la migliore teglia per il forno può essere fondamentale per la riuscita delle nostre future ricette.

Quindi, cosa considerare per fare la migliore scelta? Bisogna pensare alle proprie esigenze e all’uso che si farà di questo strumenti.

Io, che amo cucinare pesci, carni e verdure mi sono accorta, con il tempo, che mi serviva una teglia molto ampia, con dei bordi abbastanza alti. Se invece si è amanti della preparazione di pani, focacce, biscotti etc. ci vorranno delle teglie basse.

Anche gli spessori delle teglie sono importanti: se il fondo è abbastanza alto questi saranno utili per cucinare arrosti di carne e pesce, questo per evitare che il cibo si attacchi alla teglia; se invece è sottile saranno ideali per pani e dolci, questo perché, la cottura della parte bassa deve essere immediata.

Che materiale usare, poi? Quello antiaderente è il primo da tenere in considerazione. Ovviamente, come con le pentole, i materiali sono tantissimi, quindi, le stesse considerazioni fatte per le pentole, valgono per le teglie da forno (ritornate su quell’articolo).

Cucinare gli alimenti in forno ha moltissimi vantaggi. I forni sono ideali per le cotture dietetiche, questo perché permettono di utilizzare pochi grassi, grazie all’elevato calore all’interno del forno (se si usa una teglia dai bordi alti, per esempio, i grassi dei cibi vengono sprigionati naturalmente, garantendo un effetto croccante all’esterno senza l’aggiunta di ulteriori condimenti).

La cottura al forno, inoltre, è pratica e veloce perché permette di preparare una pietanza utilizzando un solo utensile.

Quando ho iniziato a comprare le teglie da forno pensavo che il maggior prezzo determinasse la loro maggiore qualità. Col tempo, però, ho dovuto ricredermi. Bisogna tenere conto che non è il prezzo a determinare la qualità, ma il materiale. Molto spesso, quindi, si possono trovare delle teglie da forno di ottima qualità dai prezzi molto convenienti, che possono durare nel tempo. Quindi occhi aperti!

Quante teglie da forno bisogna tenere in casa? Ovviamente, dipende da quello che vogliamo cucinare. Se amate cucinare le proteine (carne e pesce) almeno una teglia dai bordi alti dovrà essere presente nella vostra cucina – le dimensioni dipenderanno dalle persone che abitano in casa. Se invece amate cucinare pizze, focacce etc. ci vorranno almeno un paio di teglie per pizza, che si potranno utilizzare tranquillamente anche per preparazioni dolci di piccole dimensioni. Se invece amate preparare torte o dolci da farcire, serviranno almeno una teglia tonda e una teglia da plumcake saranno alla base del vostro corredo culinario.

Più allargherete le vostre conoscenze culinarie, più oggetti vi si renderanno necessari. Ricordate sempre, però, di sceglierli con molta cura (e anche ritornando a questo articolo e ai precedenti).

Da buona napoletana, sono cresciuta con una cultura che valorizza le cotture al forno sia di piatti salati che dolci, posso dire che è indispensabile avere, alla base, una quantità giusta di teglie capaci di soddisfare le esigenze culinarie partenopee.
Quindi buona pastiera a tutti!

 

Paola Poggiani (@polemicaincucina su IG)

Redatto da: Ilaria Canevara ( https://it.linkedin.com/in/ilaria-canevara-930460132 )

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *